Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


Parla Andrea Tessiore, il giocatore che aveva contratto il Covid-19

I timori, la speranza, la guarigione e la voglia di ricominciare a giocare del calciatore della Vis Pesaro

Andrea Tessiore (foto), centrocampista di proprietà della Sampdoria attualmente in prestito alla Vis Pesaro, è stato uno dei calciatori risultati positivi al Coronavirus. Il classe 1999 il 10 marzo scorso non esitò a lanciare un appello: "Ho deciso di rendere pubblica la mia condizione perché vorrei che passasse un messaggio fondamentale: anche noi giovani non siamo immuni. Bisogna stare a casa per evitare che il contagio si diffonda".
Tessiore ne sta venendo fuori, ieri si è sottoposto al secondo tampone come da prassi del doppio test richiesto per certificare lo stato di guarigione dal Coronavirus. "Il primo esame ha dato esito negativo – racconta Tessiore a Il Resto del Carlino – a fine settimana riceverò il risultato del secondo e incrociando le dita dovrei aver concluso il decorso di questa malattia. Sono chiuso in casa da solo a Pesaro da 34 giorni e spero che ora si creino le condizioni per poter tornare un po’ dalla mia famiglia (a Finale Ligure, ndr) che in queste settimane mi ha telefonato ogni giorno".

La positività al Coronavirus di Tessiore ha anche infilato la Vis in un tunnel inesplorato, con l’intera squadra, dirigenza e staff in quarantena fiduciaria per i contatti avuti col calciatore.
La Vis non si allena in gruppo da un mese e non gioca una partita da un mese e mezzo, "ma – precisa Tessiore – non abbiamo mai smesso di sentirci squadra. Lo spogliatoio è stato sempre coinvolto con messaggi quotidiani e il mister è stato molto bravo a fare gruppo anche in queste condizioni".

Per chi come Tessiore ha vissuto sulla sua pelle la malattia, e la facilità di contagio, diventa ancora più delicato parlare di ripresa del campionato: "Mi piacerebbe che si tornasse a giocare, ma è evidente che è molto complicato farlo e tutte le società di C sembrano concordi su questo punto. Il virus è nuovo e ci sono troppe cose da chiarire: io stesso non ho la certezza medica di essere immune o di poter ricontrarre il virus e non bastano dieci giorni di calo di contagi per dire che l’emergenza è passata. Se si torna in campo per le società vedo altri costi oltre alle perdite attuali: perché mi sembra impossibile passare dalla quarantena al giocare subito a porte aperte".

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 09/04/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Cossa: "A Macerata gli anni più belli. Pergolese? Che tristezza..."

“Sono due o tre anni che penso di smettere e dico che sarà l’ultimo. Poi durante l’estate, dopo un po’ di riposo, mi riprende la voglia, qualche squadra mi cerca, mi lascio convincere e ricomincio. Finché i numeri ci sono cercherò di tenere botta, anche se il peso degli anni e gli impegni con la famiglia ed il lavoro si fanno sentire”....leggi
10/02/2020

Alain Pompei c'è! A 42 anni verso le 700 presenze con quattro figli

E' uno dei giocatori più "presenti" nei campionati marchigiani. Fermarsi? Mai. Via e si ricomincia in Seconda categoria col Ponte Sasso. Alain Pompei (foto), 42 anni, si avvia verso le 700 presenze. Marottese di nascita, ha incominciato a tirare calci nel settore giovanile dell’Alma Fano, poi a Lucrezia (nel 1996) in serie D (per tre...leggi
10/09/2019

Festa per l'allenatore-highlander: a 71 anni Aldo Piccoli dice stop

C'è stato un tecnico highlander come Guy Roux che in Francia ha allenato l'Auxerre per 41 anni (dal 1964 al 2005), e il più ben più noto Alex Ferguson alla guida del Manchester United (Inghilterra) per 27 anni, battuto però da uno di casa nostra, Aldo Piccoli (foto), allenatore-mito del CSI Delfino Fano. Iniziò nel 19...leggi
11/06/2019


Para due rigori in 50 secondi: la domenica super di Davide Stafoggia

URBANIA. “In 45 anni vissuti sul campo come portiere e allenatore mai mi era successo di vedere qualcosa di simile. Sono ancora senza fiato”. Bastano queste parole del tecnico dell’Urbania Gianluca Fenucci per descrivere le emozioni vissute ieri pomeriggio in casa durantina da Davide Stafoggia, 18 anni (saranno 19 il ...leggi
04/02/2019

NUOVA VITA. Giovagnoli: "A New York per costruire futuri talenti"

L'avevamo lasciato sulla panchina del Montegranaro (Eccellenza), era la stagione 2011-2012, poi grazie ai contatti avuti con il Milan Camp, la decisione di partire per gli USA. E così è stato. Filippo Giovagnoli (foto), 48 anni, originario di Apecchio e dal 2005 al 2009 tecnico di Urbania e Urbino, lavora da un quinquennio come direttore tecnico alla Met...leggi
09/07/2018


In porta a 50 anni. La favola di Ferruccio Rondina

“Come nelle favole” parafrasava Vasco, ma come nelle favole è la storia di un giovanotto classe 1967, all’anagrafe Ferruccio Rondina da Mondolfo, ma ormai fanese d’adozione. Il ragazzo, appese le scarpette al chiodo da oltre dieci anni, calca ancora i campi coi guantoni infilati, insegnando il nobile ruolo di portiere, a part...leggi
19/02/2018

"Fondatore, giocatore, presidente e mister". Burani è il...Piobbico

Fondatore, giocatore, presidente, allenatore: si porta quattro ruoli sulle spalle ma non ne sente affatto il peso. Benedetto Burani (foto), 55 anni, ha una bella storia da raccontare: nel 1990 il Piobbico veleggia in Interregionale, tanti ragazzi del posto non hanno spazio per giocare e lui (insieme ad amici) fonda il Piobbico 90. Da 2...leggi
20/02/2018



Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11107 secondi