Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


Para due rigori in 50 secondi: la domenica super di Davide Stafoggia

VIDEO - Classe 2000, portiere dell'Urbania: in un minuto ha detto due volte no ad Alessandroni. "Lui guardava alla mia destra, ho pensato che lo facesse come pretattica. Mi ha anche aiutato la posizione del corpo"

URBANIA. “In 45 anni vissuti sul campo come portiere e allenatore mai mi era successo di vedere qualcosa di simile. Sono ancora senza fiato”. Bastano queste parole del tecnico dell’Urbania Gianluca Fenucci per descrivere le emozioni vissute ieri pomeriggio in casa durantina da Davide Stafoggia, 18 anni (saranno 19 il prossimo 28 febbraio) tra il quinto e il sesto minuto di gioco del primo tempo. Due rigori assegnati consecutivamente al Camerano, battuti da Alessandroni, e stoppati dal giovanissimo estremo difensore. Roba da record.

Ecco il VIDEO dei due rigori parati!

 

Davide, in 50 secondi hai vissuto un sogno: due rigori parati e decisivi alla fine dei conti. Cosa ti è passato per la testa in  quel piccolo spazio di tempo?
“E’ successo tutto molto in fretta, ho pensato solo a rimanere concentrato e dove poteva calciarlo”.

Dure rigori parati nella stessa direzione: sei andato ad istinto o hai studiato qualche movimento dell'avversario?
“Ho notato che mentre sistemava la palla guardava nell'angolo alla mia destra e ho pensato fosse tutta una tattica e che avrebbe calciato nell'angolo opposto. Sono anche stato aiutato dalla posizione del corpo”.

La reazione della squadra nello spogliatoio?
“C'era un clima di grande euforia come è normale dopo una vittoria e una bella prestazione fatta, soprattutto nella seconda metà di partita”.

Può rimanere li in alto fino alla fine questa sorprendente Urbania?
“Sono molto contento di come stanno andando le cose. Sono estremamente fiducioso per il proseguo del campionato perché abbiamo un ottimo organico, giovane e unito, dove ci rispettiamo e stimiamo a vicenda”.

Una dedica speciale per questa impresa?
“A mio nonno che essendo di Urbania (Davide è invece di Urbino, ndr) ha sempre voluto che io giocassi qui ma purtroppo se n'è andato due anni fa”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 04/02/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




NUOVA VITA. Giovagnoli: "A New York per costruire futuri talenti"

L'avevamo lasciato sulla panchina del Montegranaro (Eccellenza), era la stagione 2011-2012, poi grazie ai contatti avuti con il Milan Camp, la decisione di partire per gli USA. E così è stato. Filippo Giovagnoli (foto), 48 anni, originario di Apecchio e dal 2005 al 2009 tecnico di Urbania e Urbino, lavora da un quinquennio come direttore tecnico alla Met...leggi
09/07/2018


In porta a 50 anni. La favola di Ferruccio Rondina

“Come nelle favole” parafrasava Vasco, ma come nelle favole è la storia di un giovanotto classe 1967, all’anagrafe Ferruccio Rondina da Mondolfo, ma ormai fanese d’adozione. Il ragazzo, appese le scarpette al chiodo da oltre dieci anni, calca ancora i campi coi guantoni infilati, insegnando il nobile ruolo di portiere, a part...leggi
19/02/2018

"Fondatore, giocatore, presidente e mister". Burani è il...Piobbico

Fondatore, giocatore, presidente, allenatore: si porta quattro ruoli sulle spalle ma non ne sente affatto il peso. Benedetto Burani (foto), 55 anni, ha una bella storia da raccontare: nel 1990 il Piobbico veleggia in Interregionale, tanti ragazzi del posto non hanno spazio per giocare e lui (insieme ad amici) fonda il Piobbico 90. Da 2...leggi
20/02/2018



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,15192 secondi