Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


NUOVA VITA. Giovagnoli: "A New York per costruire futuri talenti"

Ex Montegranaro, Urbino e Urbania, il tecnico di Apecchio da un quinquennio lavora negli USA alla Met Oval Academy

L'avevamo lasciato sulla panchina del Montegranaro (Eccellenza), era la stagione 2011-2012, poi grazie ai contatti avuti con il Milan Camp, la decisione di partire per gli USA. E così è stato. Filippo Giovagnoli (foto), 48 anni, originario di Apecchio e dal 2005 al 2009 tecnico di Urbania e Urbino, lavora da un quinquennio come direttore tecnico alla Met Oval Academy di New York. Obiettivo? Costruire giocatori di talento e dare loro opportunità nel calcio professionistico internazionale. Il suo staff è composto da 10 allenatori tra i quali l'italiano, anzi concittadino, Giuseppe Rossi. "Dal primo anno ad ora – racconta Giovagnoli a Il Resto del Carlino – Met Oval ha raddoppiato passando da 200 a 400 il numero di giocatori in Academy così come la squadre da 12 a 25 e ottenendo il riconoscimento dalla Federazione Americana. Negli ultimi 3 anni sono passati da Met Oval a Nycfc (squadra professionistica dove militava Pirlo) 35 giocatori. Altri 10 sono stati ingaggiati da altre squadre professionistiche americane ed europee. E ora Met Oval è l’Academy che produce più giocatori di alto livello nello stato di New York". Le differenze tra il calcio americano ed europeo sono ancora nette, ma con l'esperienza di tecnici italiani bravi come Giovagnoli il gap si sta riducendo. 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/07/2018
 

Altri articoli dalla provincia...




In porta a 50 anni. La favola di Ferruccio Rondina

“Come nelle favole” parafrasava Vasco, ma come nelle favole è la storia di un giovanotto classe 1967, all’anagrafe Ferruccio Rondina da Mondolfo, ma ormai fanese d’adozione. Il ragazzo, appese le scarpette al chiodo da oltre dieci anni, calca ancora i campi coi guantoni infilati, insegnando il nobile ruolo di portiere, a part...leggi
19/02/2018

"Fondatore, giocatore, presidente e mister". Burani è il...Piobbico

Fondatore, giocatore, presidente, allenatore: si porta quattro ruoli sulle spalle ma non ne sente affatto il peso. Benedetto Burani (foto), 55 anni, ha una bella storia da raccontare: nel 1990 il Piobbico veleggia in Interregionale, tanti ragazzi del posto non hanno spazio per giocare e lui (insieme ad amici) fonda il Piobbico 90. Da 2...leggi
20/02/2018



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 11,48722 secondi