Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

In Kenya il sogno campo - scuola di Capponi - Pedalino

C'è il sostegno del presidente della FIGC Tavecchio, presto la raccolta fondi

Vai alla galleria

Una scuola che accompagni i bambini nella crescita, con i valori del calcio, quello sano. Bimbi che non hanno nulla, che non hanno mai visto una matita con la gomma sopra e nemmeno un temperino, senza scarpe e senza futuro. Bimbi che vivono a Majengo, a circa 2 ore da Malindi, in Kenya.

Il sogno della nuova scuola è di Gaia Capponi e di un ex giocatore della Fermana attualmente alla Folgore, Saverio Pedalino, insieme sono arrivati a proporre il progetto al presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, che si è detto molto interessato. "Il progetto ‘Football Primary School Lnd Italy Parco del Sorriso Mandamento’ nasce da una realtà e da un sogno - racconta Gaia Capponi -. La realtà è la Nursery School di Majengo, una scuola materna costruita nel 2000 da Bruno Donzelli, calciatore della Fermana negli anni ‘50, in memoria del figlio Roberto. La scuola, sotto la direzione del preside locale Felix Zuma, già direttore di due scuole pubbliche, ospita 102 bambini dai 3 ai 6 anni che sono assistiti da tre insegnanti ed una cuoca. Agli allievi è assicurata istruzione scolastica e un pasto quotidiano durante tutti i tre anni di ciclo accademico".

"Sono stata in Kenya e ho incontrato quei bambini - prosegue Capponi - ho visto la straordinaria realtà della scuola messa in piedi da Bruno. Ci sono maestri e quaderni, uno a testa, lamette a fare da temperini, piedi nudi e niente finestre. Strade che col caldo bruciano e con la pioggia si allagano. Una storia che però oggi finisce lì, la scuola elementare più vicina è a circa 3 km, una distanza che a noi fa sorridere, ma che diventa impossibile per chi non ha mezzi di trasporto a disposizione e, nella maggior parte dei casi, neppure un paio di scarpe".

Dal punto di vista operativo, la modalità con cui si intende procedere è effettuare una raccolta fondi completamente libera e facoltativa presso le squadre della LND seguendo l’iter già intrapreso:

- sono stati visionati, in loco, n° 2 terreni sui quali poter costruire la scuola e il parco giochi;

- in seguito a contatti, in loco, con il capo mastro del villaggio, è stato realizzato un preventivo relativo alle spese da sostenere per la realizzazione di n° 1 pozzo, n° 1 bagno e n° 3 classi;

- è stato realizzato una piantina - progetto della scuola visionato anche dal Presidente Tavecchio;

- è stato realizzato un video promozionale con le riprese effettuate, in loco, durante il viaggio i Kenya.

 

Presto verranno comunicati i dettagli per avviare la raccolta fondi

 

 

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/10/2015
Tempo esecuzione pagina: 0,04166 secondi